domenica 24 giugno 2012

Smisurata preghiera.


Sinceramente avrei voluto parlare della relazione che trovo tra le puttane per strada e la crisi economica. Discorso e teoria interessanti. Tranquilli, ve ne parlerò, ma non ora.
Già, perché in prossimità di un giorno ormai prossimo (ripetizione rafforzativa) nel quale il mio futuro e della mia collega Amarillys verrà segnato, pensavo a cosa potrebbe servirmi, essermi utile.
Per mantenere il blog ad un livello oggettivamente al limite della sufficienza ogni tanto è opportuno inserire qualche tocco di levatura. Prendendo così i più classici "due piccioni con una fava", ho pensato che ciò che mi servirebbe ora è proprio una Smisurata preghiera, questa in particolare:

"...ricorda Signore questi servi disobbedienti
alle leggi del branco
non dimenticare il loro volto
che dopo tanto sbandare
è appena giusto che la fortuna li aiuti
come una svista
come un'anomalia
come una distrazione
come un dovere..."

(F. de Andrè - Smisurata preghiera)

2 commenti:

  1. Vabbè ma non vale, con De Andrè si va sempre sul sicuro ;)

    RispondiElimina
  2. Volevo vincere facile ma non mi é bastato.

    RispondiElimina