venerdì 13 aprile 2012

"pastiera napoletanazza"

Di quattro amiche il 50% si é sempre dilettato in cucina con buoni risultati, il 25% ci prova, non sempre con buoni risultati (scusa P., ma quella crostata non la dimenticheremo mai), e il restante 25%, A., difficilmente lo si trovava tra i fornelli..poi scopre il potere rilassante della preparazione di dolci e quant'altro e alla Vigilia di Natale si presenta con una sacher che Buddy, a lei, fa un baffo e qualche giorno prima di Pasqua ci dice che avrebbe preparato la pastiera!






Non male direi!Io le ho già fatto promettere che per la prossima cena la voglio!
E con grande piacere in-coscienza ospita A. con la ricetta della sua pastiera napoletanazza..

Livello di difficoltà - vorrei prenotare un tavolo per due -
Dosi per 6 persone (abbondanti)

Per la frolla:
2 uova intere (1 intero e 1 albume se si vuole una frolla più friabile)
Burro 100gr.
Zucchero 100gr.
Farina 200-250gr.

Lavorare la farina, il burro e lo zucchero fino a ottenere un composto compatto e abbastanza elastico. Formare con l’impasto ottenuto una palla, avvolgerla nella pellicola trasparente e riporla in frigo per almeno mezzora.

Per il ripieno:
Grano cotto 250gr.
Latte 150 gr.
Limoni: la scorza grattugiata di uno
Burro 20gr.
Zucchero 120gr.
Canditi: 80gr. circa tra arancio e cedro
Cannella: 1 cucchiaino da caffè
Ricotta: 200gr. tra ricotta di pecora e di mucca
Uova: 2
Acqua di fiori d’arancio q.b.

Versare in una pentola il grano, il latte, il burro e la buccia grattugiata del limone; far bollire il tutto a fuoco dolce e mescolare finché la crema non si addensa. Mentre la crema intiepidisce unire in una ciotola uova, zucchero, ricotta, acqua di fiori d’arancio(io vado “a naso”) e cannella. Lavorare fino a ottenere una crema omogenea e senza grumi.
Stendere la pasta frolla su di una tortiera circolare a cerniera imburrata e infarinata, conservandone una piccola parte che servirà per formare le striscioline decorative. Una volta che la crema di grano si sarà intiepidita, unirla al composto con la ricotta, aggiungere infine i canditi e mescolare bene il tutto. Versare il ripieno all’interno della frolla ed eventualmente pareggiarne i bordi; con la pasta frolla tenuta parte formare delle striscioline sottili da disporre a griglia sopra la pastiera. Spennellare infine le striscioline con un tuorlo d’uovo sbattuto e infornare a 200gradi per circa un’ora.
Preparare la pastiera con un paio di giorni d’anticipo in modo che gli aromi possano amalgamarsi al meglio!

4 commenti:

  1. la pastiera, invidiaaaa :Q____

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io non l'ho mai assaggiata!per fortuna ho un'amica brava nei dolci, ne approfitterò!

      Elimina
  2. Voglio piangere ç_ç

    Non posso mangiarla più...

    RispondiElimina